Le posizioni dei partiti sulle sanzioni contro la Russia

In questa campagna elettorale c’è chi le difende, chi le mette in discussione e chi chiede di eliminarle
ANSA
ANSA
Negli ultimi giorni, con il continuo aumento dei prezzi energetici, i leader dei principali partiti politici in Italia sono tornati a parlare delle sanzioni che l’Unione europea ha imposto alla Russia a partire dall’inizio della guerra in Ucraina.

Non tutti i partiti la pensano allo stesso modo sul tema: c’è chi sostiene con forza la necessità di continuare con le sanzioni, chi le mette in dubbio e chi vuole cancellarle. Ecco quali sono le posizioni nel dibattito politico italiano.

I favorevoli alle sanzioni

Il Partito democratico è uno dei partiti più favorevoli alle sanzioni contro la Russia, una posizione ribadita più volte dal suo segretario Enrico Letta. «Le sanzioni a Putin devono essere durissime, e tutti i Paesi europei devono imporle», aveva detto Letta a febbraio, subito dopo l’inizio della guerra. Negli ultimi giorni, il segretario del Pd ha definito «senza senso» il dibattito critico intorno alle sanzioni, «che devono essere decise e portate avanti da tutti gli europei». 

Della stessa opinione anche gli altri partiti della coalizione di centrosinistra, come Più Europa, la cui leader Emma Bonino il 6 settembre ha affermato che «le sanzioni per funzionare hanno bisogno di tempo e da sempre hanno anche un impatto molto minore sui sanzionatori, ma è indubbio che la Russia, economicamente parlando, è in ginocchio». Il segretario di Sinistra italiana Nicola Fratoianni ha in passato sottolineato l’importanza dei pacchetti di sanzioni europei, sostenendo che andrebbero inaspriti e aumentati, sostituendoli del tutto all’invio di armi all’Ucraina. 

Fuori dal centrosinistra, il 5 settembre il presidente del Movimento 5 stelle Giuseppe Conte ha espresso la posizione del suo partito, affermando che «le sanzioni stanno facendo molto male a noi, ma dobbiamo tenerle». 

Le sanzioni alla Russia sono uno dei temi sui quali convergono schieramenti politici molto diversi tra loro: anche il leader di Azione Carlo Calenda è infatti un sostenitore di lunga data di questi provvedimenti, a cui vorrebbe aggiungere anche l’embargo del petrolio (un accordo di questo tipo, sebbene parziale, è già stato sottoscritto dall’Ue a maggio).

Nel centrodestra, anche Fratelli d’Italia e Forza Italia si sono detti favorevoli alle sanzioni. Il 4 settembre, ospite al Forum di Cernobbio organizzato dal think tank The European House-Ambrosetti, la leader Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha rassicurato gli osservatori internazionali affermando che se il suo partito dovesse vincere le elezioni «non ci sfileremo dalle sanzioni, è una questione di credibilità internazionale». Dello stesso avviso anche il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani, che il 5 settembre in un’intervista con La Stampa ha dichiarato: «Per noi le sanzioni devono rimanere. Punto». Il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi si è detto invece «molto dispiaciuto e deluso che la Russia, invece di entrare nell’Unione europea e renderla più forte, abbia addirittura rafforzato il totalitarismo cinese». Sulle sanzioni però neanche l’ex presidente del Consiglio ha dubbi: «Sono in perfetta linea con il governo, con l’Unione europea e con l’intero Occidente».

I contrari alle sanzioni

Tra i grandi partiti, l’unico a mettere in discussione la validità e l’efficacia delle sanzioni alla Russia è la Lega. Nel suo intervento al Forum di Cernobbio, il leader Matteo Salvini ha infatti criticato la strategia europea, sostenendo che le sanzioni non stanno funzionando, ma al contrario stanno danneggiando i Paesi che le hanno imposte piuttosto che la Russia. Nei giorni precedenti, Salvini aveva già espresso il suo parere negativo, affermando come «ripensare la strategia è fondamentale per salvare posti di lavoro e imprese in Italia» e proponendo quindi di introdurre uno «scudo europeo» che protegga i cittadini italiani dalle eventuali ricadute economiche delle sanzioni.

In ogni caso, Salvini ha ragione quando afferma che la Lega, nonostante le perplessità sulle sanzioni, ha «sempre» votato «tutti i provvedimenti a favore dell’Ucraina», comprese le sanzioni contro la Russia, sia a livello italiano che europeo. «La collocazione dell’Italia a livello internazionale non cambia a prescindere dal voto» del 25 settembre, ha assicurato Salvini a Cernobbio. «Vogliamo andare avanti con le sanzioni? Andiamo avanti ma non vorrei che invece di fare del male agli altri facessimo del male a noi stessi». I co-portavoce di Europa verde Angelo Bonelli ed Eleonora Evi, alleati con il centrosinistra, hanno criticato Salvini, puntando il dito sul tempismo, definito in una nota «sospetto», tra l’annuncio della Russia dello stop alle forniture in caso di proseguimento delle sanzioni e le dichiarazioni del leader della Lega a Cernobbio.

Chi è invece nettamente contrario alle sanzioni sono alcuni dei partiti “antisistema” presenti alle elezioni. Come mostra indecis.it, un portale per confrontare i programmi elettorali sviluppato in collaborazione con Pagella Politica, i programmi di Italexit, Italia sovrana e popolare e Alternativa per l’Italia propongono esplicitamente di togliere le sanzioni alla Russia.
Pagella Politica

Sostieni Pagella

Aiutaci a realizzare il nostro progetto per una nuova informazione politica in Italia.
La politica senza chiacchiere
Unisciti a noi
Newsletter

il franco tiratore

Dal lunedì al venerdì alle 18
La newsletter quotidiana curata dal direttore Giovanni Zagni. Uno sguardo critico e affilato per concludere la giornata, un punto sui personaggi e gli eventi della politica italiana.

Ultimi articoli