indietro

Salvini ha ragione: reati e sbarchi sono in aumento, ma c’è un però

| 16 agosto 2022
La dichiarazione
«I numeri del Viminale parlano chiaro: reati, sbarchi, insicurezza e cyber-attacchi in aumento»
Fonte: Twitter | 16 agosto 2022
ANSA/ETTORE FERRARI
ANSA/ETTORE FERRARI
Verdetto sintetico
Il segretario della Lega ha ragione, ma omette di dire una cosa.
In breve
  • Secondo il nuovo Dossier Viminale, tra il 1° agosto 2021 e il 31 luglio 2022 i reati sono complessivamente aumentati rispetto al periodo 1° agosto 2020-31 luglio 2021, ma rimangono più bassi rispetto al periodo pre-pandemico. L’aumento è in parte motivato dall’allentamento delle restrizioni introdotte con la pandemia. TWEET
  • Anche gli sbarchi e i cyber-attacchi sono cresciuti. TWEET
Il 16 agosto il leader della Lega Matteo Salvini ha scritto che, secondo i dati del Ministero dell’Interno, in Italia sono aumentati «reati, sbarchi, insicurezza e cyber-attacchi». Abbiamo verificato e Salvini ha ragione, anche se omette di dire che nel confronto con gli anni precedenti va tenuto conto dell’impatto delle limitazioni introdotte per la pandemia di Covid-19.

Che cosa dice il Dossier Viminale

Come ormai da tradizione, il 15 agosto il Ministero dell’Interno ha pubblicato il Dossier Viminale, un documento che fa il punto su un anno di attività e di iniziative di tutte le componenti del ministero dell’Interno, facendo un confronto con quanto successo in passato. 

Per quanto riguarda i reati, gli sbarchi e i cyber-attacchi, è vero che sono in aumento, come ha scritto Salvini? 

Secondo il Ministero dell’Interno, tra il 1° agosto 2021 e il 31 luglio 2022 sono stati registrati 2.116.479 «delitti», ossia i reati punibili con la reclusione o una multa, in aumento rispetto ai 1.875.038 registrati tra il 1° agosto 2020 e il 31 luglio 2021. Il dato più recente resta comunque inferiore a quello del periodo precedente alla pandemia: tra il 1° agosto 2018 e il 31 luglio 2019 i delitti registrati erano stati 2.338.073. A crescere, come mostra la Tabella 1, sono stati gli omicidi, le rapine e i furti, che sono però rimasti sotto il livello precedente al 2020. Tra le persone denunciate, il numero di quelle in stato d’arresto è cresciuto leggermente, mentre quelle in stato di libertà è sceso.
Tabella 1. Andamento della delittuosità in Italia – Fonte: Ministero dell’Interno
Tabella 1. Andamento della delittuosità in Italia – Fonte: Ministero dell’Interno
Questi dati, non ancora consolidati, vanno maneggiati con cautela, come evidenziato dallo stesso Viminale. «Anche quest’anno, sui dati relativi al periodo di riferimento e sulle rispettive variazioni percentuali, incidono le limitazioni e i divieti previsti per far fronte all’emergenza sanitaria e contenere la diffusione del Covid-19», ha sottolineato il rapporto del Ministero dell’Interno. Nella seconda metà del 2020 e nella prima metà del 2021 erano infatti in vigore ancora molte limitazioni, introdotte per la pandemia, che avevano contribuito a ridurre il numero dei delitti.

Nei primi sette mesi abbondanti del 2022 sono aumentati anche gli sbarchi di migranti irregolari sulle coste italiane. Secondo il Ministero dell’Interno, dal 1° gennaio all’11 agosto 2022 sono arrivati 45.664 migranti, con un +40,36 per cento rispetto allo stesso periodo del 2021 (Tabella 2). Il numero degli sbarchi è in costante aumento dal 2019, ma è ancora lontano dai livelli raggiunti nel 2017. Su questo punto il Viminale ha sottolineato che i dati «risentono delle conseguenze connesse alla situazione in Afghanistan e al conflitto russo-ucraino».
Tabella 2. Andamento degli sbarchi di migranti irregolari sulle coste italiane – Fonte: Ministero dell’Interno
Tabella 2. Andamento degli sbarchi di migranti irregolari sulle coste italiane – Fonte: Ministero dell’Interno
Per quanto riguarda la sicurezza informatica, dal 1° agosto 2021 al 31 luglio 2022 i cyber-attacchi rilevati sono stati 8.814, contro i 4.938 del periodo precedente. 

Infine, il rapporto del Ministero dell’Interno non fornisce un indicatore per quanto riguarda l’«insicurezza» in aumento, citata da Salvini. In ogni caso, negli ultimi 15 anni i delitti denunciati alle autorità giudiziarie sono in costante calo, salvo alcune oscillazioni annuali. Nel 2007 erano stati infatti quasi 3 milioni.

Il verdetto

Secondo Matteo Salvini, i numeri del Ministero dell’Interno «parlano chiaro», con «reati, sbarchi, insicurezza e cyber-attacchi in aumento». Abbiamo verificato che cosa dice l’ultimo Dossier Viminale ed è vero che tra il 1° agosto 2021 e il 31 luglio 2022 c’è stato un aumento complessivo dei reati rispetto al periodo 1° agosto 2020-31 luglio 2021, periodo però condizionato dalla limitazioni per la pandemia. I dati rimangono comunque inferiori al periodo pre-pandemico. 

Nello stesso periodo sono aumentati anche i cyber-attacchi.

Nei primi sette mesi del 2022 sono cresciuti di oltre il 40 per cento gli sbarchi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
Pagella Politica

Sostieni Pagella

Aiutaci a realizzare il nostro progetto per una nuova informazione politica in Italia.
La politica senza chiacchiere
Unisciti a noi
Newsletter

il franco tiratore

Dal lunedì al venerdì alle 18
La newsletter quotidiana curata dal direttore Giovanni Zagni. Uno sguardo critico e affilato per concludere la giornata, un punto sui personaggi e gli eventi della politica italiana.

Ultimi fact-checking

  • «Dopo la discesa in campo di Berlusconi e quasi alla pari con Scelta civica, il risultato del Terzo polo è il migliore per un movimento al debutto elettorale nella storia della seconda Repubblica»

    26 settembre 2022
    Fonte: Twitter
  • «Il Paese ha votato al 70 per cento partiti che non hanno votato per niente o parzialmente la fiducia a Draghi»

    26 SETTEMBRE 2022
    Fonte: Facebook