indietro

Salvini sbaglia: l’Italia non è l’unica nel G20 senza nucleare

| 14 aprile 2022
La dichiarazione
«Siamo l’unico Paese del G20 a non avere le centrali nucleari»
Fonte: Corriere della Sera | 14 aprile 2022
Armin Weigel/dpa
Armin Weigel/dpa
Verdetto sintetico
Il leader della Lega sbaglia.
In breve
  • Oltre all’Italia, anche altri quattro Paesi del G20 non usano al momento il nucleare, a cui si aggiungono 14 Stati membri dell’Ue. TWEET
Il 14 aprile, in un’intervista con il Corriere della Sera, il leader della Lega Matteo Salvini ha annunciato che la prossima settimana il suo partito chiederà di votare in Parlamento una mozione sul «ritorno al nucleare» in Italia. «Siamo l’unico Paese del G20 a non avere le centrali nucleari», ha aggiunto Salvini, che da tempo difende la necessità di tornare a investire sull’energia nucleare.

Abbiamo verificato e non è vero che l’Italia è un caso isolato nel G20, l’organizzazione che raggruppa i Paesi più industrializzati al mondo. Anche altre quattro nazioni del G20, al momento, non producono energia con il nucleare.

Chi (non) ha il nucleare nel G20

Gli stati membri del G20 sono: Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Corea del Sud, Messico, Russia, Arabia Saudita, Sud Africa, Turchia, Regno Unito, Stati Uniti e Unione europea. La Spagna non è membro, ma è invitata al G20 come ospite permanente.

Secondo i dati dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Iaea) – la più importante organizzazione mondiale che si occupa dell’uso pacifico del nucleare – oltre all’Italia, al momento anche Australia, Indonesia e Arabia Saudita non producono energia grazie al nucleare, insieme alla Turchia, che però ha una centrale in costruzione. A novembre 2021 il governo indonesiano ha comunque presentato un piano per usare solo fonti di energia rinnovabile entro il 2060, dove compare anche un possibile ricorso al nucleare. 

Inoltre, non tutti i Paesi dell’Unione europea – che fa parte del G20 nel complesso – hanno il nucleare: lo utilizzano per produrre energia 13 Stati membri su 27, tra cui, oltre ai già citati Francia, Germania e Spagna, anche Svezia, Finlandia e Ungheria. Ne sono sprovvisti Paesi come la Polonia, la Danimarca e il Portogallo. 

Secondo i dati dell’Iaea aggiornati al 2020, 10 Paesi membri del G20 producono il 15 per cento o meno della loro energia elettrica con il nucleare. Tra chi produce più energia con il nucleare, al primo posto c’è la Francia, con il 71 per cento, seguita dalla Slovacchia con il 53 per cento.
Grafico 1. Quota di energia elettrica prodotta con il nucleare, dati 2020 – Fonte: Iaea
Grafico 1. Quota di energia elettrica prodotta con il nucleare, dati 2020 – Fonte: Iaea

Il verdetto

Secondo Matteo Salvini, l’Italia è «l’unico Paese del G20 a non avere le centrali nucleari». Abbiamo verificato e il leader della Lega sbaglia.

Oltre all’Italia, anche Australia, Arabia Saudita, Indonesia e Turchia non producono energia grazie al nucleare, a cui vanno aggiunti anche 14 Stati membri senza nucleare su 27 dell’Unione europea, che fa parte del G20 nel suo complesso.

AIUTACI A CRESCERE NEL 2023

Siamo una testata indipendente da partiti e grandi gruppi economici o editoriali. L’informazione politica che abbiamo in mente si basa su dati, fatti, numeri. E sul fact-checking rigoroso delle dichiarazioni dei politici. Se anche tu credi che si possa fare, puoi sostenere il nostro lavoro con soli 4 euro al mese.
Scopri che cosa ottieni
Newsletter

il franco tiratore

Dal lunedì al venerdì alle 18
La newsletter quotidiana curata dal direttore Giovanni Zagni. Uno sguardo critico e affilato per concludere la giornata, un punto sui personaggi e gli eventi della politica italiana.

Ultimi fact-checking

  • «Un milione e 200 mila posti di lavoro sono andati disattesi perché le imprese non trovano qualifiche. Il 46 per cento delle imprese non trova professionalità adeguate»

    6 dicembre 2022
    Fonte: Porta a Porta – Rai 1
  • «Il governo Meloni ha tagliato i fondi per lo sviluppo delle reti ciclabili urbane. Si tratta di 94 milioni di euro in due anni senza i quali non sarà possibile realizzare questa importantissima infrastruttura»

    2 dicembre 2022
    Fonte: Facebook
  • «Tra il 2020 e il 2021 l’incremento della mortalità degli incidenti stradali è stato dell’11,1 per cento»

    2 dicembre 2022
    Fonte: La Gazzetta dello Sport