Italia viva sosterrà almeno quattro candidati sindaco di centrodestra

Il 12 giugno, alle elezioni comunali di Genova, il partito di Matteo Renzi supporterà Marco Bucci: una scelta simile è stata fatta finora anche per Palermo, Verona e Catanzaro
ANSA/FILIPPO VENEZIA
ANSA/FILIPPO VENEZIA
Il 20 aprile, in un’intervista con Il Secolo XIX, la deputata di Italia viva Raffaella Paita – ex assessora del Partito democratico alla Regione Liguria – ha annunciato che alle elezioni comunali del 12 giugno il suo partito sosterrà la riconferma a sindaco di Genova di Marco Bucci, la cui giunta è attualmente supportata da Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia.
«Sosterremo Bucci alle elezioni comunali: è una scelta che non ha valore politico ma civico», ha dichiarato Paita. «Non possiamo stare con l’immobilismo del centrosinistra alleato con il Movimento 5 stelle e la sinistra massimalista». La deputata ha però aggiunto che Italia viva supporterà Bucci, contro il candidato di Pd e M5s Ariel Dello Strologo, «senza il nostro simbolo, perché non può stare accanto a quelli di Lega e Fratelli d’Italia».

Questa scelta di Italia viva di sostenere un candidato di centrodestra alla carica di sindaco per un capoluogo di provincia non è comunque isolata. Al momento, mentre per alcune città al voto c’è ancora incertezza sui candidati finali, il partito guidato da Matteo Renzi ha già annunciato il proprio supporto ad almeno quattro candidati sindaco di centrodestra, tra cui Bucci a Genova.

Le altre città

A Verona, Italia viva supporterà la candidatura dell’ex sindaco leghista Flavio Tosi, il cui nome sarà appoggiato, salvo sorprese, anche da Forza Italia. Secondo diverse fonti stampa locali, il partito di Silvio Berlusconi sembra ormai deciso a non seguire la strada tracciata da Lega e Fratelli d’Italia, che puntano sul sindaco uscente Federico Sboarina. Il Pd e il M5s hanno invece deciso di candidare l’ex calciatore Damiano Tommasi. 

A Palermo, capoluogo della Sicilia, il senatore di Italia viva Davide Faraone ha di recente ritirato la propria candidatura a sindaco, per supportare Roberto Lagalla, candidato dell’Unione di centro (Udc). Tra il 2006 e il 2008, Lagalla è stato assessore regionale alla Sanità, quando alla guida della Sicilia c’era Salvatore Cuffaro, supportato dal centrodestra, mentre tra il 2017 e il 31 marzo 2022 è stato assessore all’Istruzione della giunta di Nello Musumeci, anche questa supportata dal centrodestra. Nel capoluogo siciliano il centrosinistra, insieme al M5s, appoggerà invece l’architetto Franco Miceli. Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia per ora non hanno trovato un accordo su un candidato comune. 

A Catanzaro, capoluogo della Calabria, il partito di Matteo Renzi ha da tempo annunciato il proprio sostegno a Valerio Donato, che ha poi incassato il supporto anche di Lega, Forza Italia e Udc. 

Ci sono poi delle città in cui Italia viva non ha dato una linea condivisa, facendo sì che alcuni suoi esponenti decidessero con quale aspirante sindaco candidarsi. È per esempio questo il caso di Rieti, nel Lazio, dove si è registrata una «convergenza inedita», come ha sottolineato di recente il Corriere della Sera. Il candidato di Fratelli d’Italia Daniele Sinibaldi, già assessore della città, sarà infatti sostenuto anche dal cartello “Rieti al centro”, con esponenti di Italia Viva e di Cambiamo-Coraggio Italia, il partito guidato dal governatore della Regione Liguria Giovanni Toti.
Newsletter

I Soldi dell’Europa

Ogni due settimane
Il lunedì, le cose da sapere sugli oltre 190 miliardi di euro che l’Unione europea darà all’Italia entro il 2026.

Ultimi articoli